Corso Pratico Transurfing – Milano

A breve si terrà a Milano un corso pratico

sul Transurfing

della durata di due giorni

corso-transurfing

 

A cura di

Luca Nali

Facilitatore Vibrazionale

Relax

 

La data di questo corso , ancora da definire, probabilmente sarà nella seconda metà di Ottobre 2016.

In questo seminario (dedicato ad un ristretto numero di persone) verrà approfondita la tecnica del Transurfing con un ampio spazio agli esercizi pratici.

Per avere info e dettagli del seminario inviare una mail a:

facilitatorenergeticomilano@gmail.com

Oggetto – Corso Transurfing

facilitatore vibrazionale luca nali recensioni

Intanto in questo articolo potremo capire meglio in che cosa consiste il Reality Transurfing e qui invece potrete conoscermi meglio.

Alcune persone di cui mi sono preso cura, hanno espresso la loro sensazione, che riporto qui.

Guarda un recente incontro sul Transurfing a cura di

Facilitatore Vibrazionale Luca Nali

 

 Contatta Facilitatore Vibrazionale Luca Nali

facilitatore vibrazionale luca nali like

Cos’è il transurfing

Le intuizioni di Zeland hanno cominciato a circolare sul web, in russo, a partire dal 2003, riscuotendo fin da subito un grandissimo successo. I primi libri, usciti nel 2004, diventano dei bestseller e il Transurfing acquisisce rapidamente visibilità internazionale. In italiano sono già stati pubblicati i primi cinque volumi del Reality Transurfing (“Lo Spazio delle Varianti“, marzo 2010; “Il Fruscio delle Stelle del Mattino“, maggio 2010; “Avanti nel Passato“, ottobre 2010; “La gestione della realtà – Le mele cadono in cielo“, novembre 2012) e l’iconoclasta “Transurfing Vivo – Oltre i confini della Matrix“, maggio 2012).

Il Transurfing è una metodica che insegna come collocarsi nell’esistenza in accordo con la propria intima essenza (o, come dice Zeland, in “unità di Ragione ed Anima”) e scivolare tra tutte le possibili situazioni che potrebbero manifestarsi nella nostra vita scegliendo – e lasciando così manifestare – solo gli scenari a noi più favorevoli. Il Transurfing applica alla vita di tutti i giorni il paradigma della fisica quantistica(possibilità multiple di un evento e collasso di una sola realtà nel momento in cui ci sintonizziamo su di essa), insegna a non lottare contro i problemi e come evitare proprio di incontrarli!

Per poter comprendere ed applicare correttamente il Transurfing è indispensabile aver ben chiara la visione della realtà su cui si basa.

facilitatore vibrazionale luca nali 445464.jpgt

1) La visione di Zeland è analoga al concetto filosofico dell’ “Eternalismo”, che considera la realtà eterna e “già qui” (il passato, il presente e il futuro sono tutti già presenti, lo sono sempre stati e lo saranno sempre).

2) La realtà si compone di due aspetti, uno manifesto ed uno non manifesto; sono le nostre frequenze interiori (date da pensieri ed emozioni, quindi dalle emissioni vibrazionali di Ragione ed Anima) che determinano quali saranno i settori dello spazio delle varianti a manifestarsi e quali no.

3) Le informazioni che costituiscono l’intera realtà sono situate nello Spazio delle Varianti (l’immanifesto), che è stazionario – cioè non scorre – e costituisce una sorta di Matrice del Tutto.

4) È la realizzazione materiale che si sposta nello spazio e nel tempo, mentre le varianti sono immobili di per sé.

facilitatore vibrazionale luca nali skype

Poiché le varianti contengono già TUTTE le soluzioni… a che pro sforzarsi e lambiccarsi il cervello per trovare la via di uscita da un problema? È insito nella struttura del campo informativo delle varianti che la corrente delle varianti ci porta già verso la miglior soluzione e con il minimo dispendio di energia. La ragione può solo ostacolare questo processo!

In sostanza la nostra realtà ideale non va creata, esiste già! Va solo scelta e bisogna quindi solo permetterle di manifestarsi. Come avviene la scelta? Avviene quando c’è quel particolare stato che Zeland definisce “Unità di Ragione ed Anima”. La Ragione veicola i pensieri consapevoli e l’Anima le sensazioni interiori; la ragione può prospettare varie soluzioni ad un problema ma alla fine sarà l’Anima a scegliere, in quanto solo lei percepisce, per risonanza, ciò che è più esatto. Zeland afferma:

“La ragione ha una capacità di lettura della realtà limitata. Lasciate lavorare l’anima. L’anima non pensa e non parla, ma sente e sa. Il vostro subconscio è collegato al campo d’informazione che contiene la soluzione di tutti i problemi; perciò rilassatevi e liberatevi da ogni paura, tanto sapete che la soluzione c’è già.”

Nel Transurfing lo strumento fondamentale di manifestazione non è la volontà personale (risolutezza a fare) ma la capacità di permettere alla realtà di manifestarsi nel modo in cui ci siamo sintonizzati su di essa! Questa capacità, misteriosa e un po’ sfuggente, è detta Intenzione Esterna. Zeland la definisce come una risolutezza ad avere. Ricapitolando…

  • INTENZIONE INTERNA: fare qualcosa con le proprie forze, applicare la volontà interna
  • INTENZIONE ESTERNA: fare accadere qualcosa lasciando agire l’esistenza stessa

Tutto il Transurfing non è altro che una grande preparazione per arrivare ad essere in grado di padroneggiare questa speciale attitudine!

contatti-facilitatore-vibrazionale-luca-nali

Adesso conosciamoci meglio

Mi chiamo Luca Nali, sono nato a Piombino e per varie vicissitudini abito attualmente a Milano.
Come esperienze lavorative mi sono sempre adattato a quello che mi veniva richiesto, rinunciando gradualmente a me stesso e alle mie attitudini. Numerosi erano gli sbagli, così come le frustrazioni.
Poi la decisione di seguirmi, quanto meno lasciare tutto. Fondamentalmente ero schiavo di me stesso, così come delle mie paure. Mi sentivo in fuga avvertendo una colpa gigantesca, poco dopo scoprii che quella responsabilità non esisteva e che avrei addirittura potuto usarla per il mio progetto, la mia vita.
Si dice che ogni settennato avvengono sconvolgimenti esistenziali e che viene raso al suolo il vecchio modo di vivere per darne vita a uno nuovo. Al mio sesto ciclo (42 anni) ho visto realmente smaterializzarsi tutta la mia esistenza e le cose che la rendevano tale. Ricordo che mi addormentavo con l’unico desiderio di non vedere il giorno successivo, che invece si parava con detestabile puntualità ogni mattina. Qualche volta pregavo, ma non per chiedere ciò che mi avrebbe salvato, semmai per farmi scendere da questo seppur bellissimo pianeta, che mi escludeva dalla sua magnificenza.
Qualcuno deve aver raccolto la mia richiesta: lo dico perchè in una notte di queste mi sono sentito come risucchiato in un cono energetico, una forza totalizzante mi ha stritolato in una sensazione sconosciuta, non faceva male, anzi attualmente lo descrivo come un orgasmo spirituale. Si trattava di un viaggio astrale, ne fui consapevole percependo la totale immobilità a cui fui costretto dopo il risveglio da quel viaggio. Svegliai la mia compagna che giaceva accanto a me, per renderla partecipe di quello che avevo appena vissuto. Il giorno successivo fu per me il momento più felice della mia vita, volevo dirlo a tutti e per un pò lo feci. A seguito di quest’esperienza e mi accorsi dei suoi benefici e ne scaturirono delle virtù.
Mi accorsi successivamente che sempre più persone avevano iniziato a chiedermi di parlare dei loro crucci, poi dopo una chiaccherata e magari un caffè, questi si dicevano sollevati e sicuri di poter trovare la soluzione a quel dolore che li aveva spinti a venire da me. Mi sembrò utile affinare la mia tecnica e per questo frequentai numerosi corsi di vario genere, da cui ha preso forma il trattamento che uso attualmente con le persone di cui mi prendo cura. Nel frattempo cessai quasi tutte le mie vecchie abitudini a cui mi aggrappavo per sentirmi meno vittima, compreso il consumo di carne.
Ogni giorno (e questo non ha ancora smesso di accadere) mi sento un uomo nuovo in un viaggio che mi vede come protagonista, godendomi il tragitto anzichè pensare alla destinazione.
Attualmente sono assolutamente convito che si possa cambiare qualsiasi cosa della propria vita a condizione di cambiare se stessi. Mi diverto e la mia passione è aiutare le persone a fare altrettanto.

Il mio risveglio

Finalmente spiego cosa è successo ad un carnivoro, pigro, fumatore e vagamente sfigato: un individuo che si è trasformato nel suo preciso opposto – in realtà anche in momenti estremamente difficili ho sempre pensato che sotto sotto qualcuno (farei meglio a dire qualche cosa) stesse vigilando sulla mia esistenza e che alla fine un aiutino me lo metteva sempre a disposizione…
Ero prossimo al mio quarantaduesimo compleanno, la mia vita sembrava avermi riservato un conto salatissimo rispetto a tutto quello che avevo fatto. Nessuna speranza nelle vicinanze, solo un‘oscurità che si faceva via via sempre più densa.
Mi addormentavo stordito dal dolore, con l’unica preghiera di non svegliarmi più la mattina successiva. Durante un sogno vidi l’immagine di me stesso tutto preso a giocare con del riso e inziai a scivolare lungo il pavimento. La caduta mi inebriava man mano che la velocità aumentava. Venni risucchiato in un vortice fatto di suoni e di una pressione mai conosciuta. Irresistibile. Una forza indescrivibile mi trascinò in un buio colorato fatto di magnifici raggi di luce mentre provavo la più grande gioia mai sentita in vita mia. Spaventato da tanta magnificenza a cui non ero abituato, iniziai una lotta, senza tanta convinzione. Nel frattempo fu come se mi fosse stato impiantato un programma nuovo, nozioni, considerazioni, che hanno finito per arricchire la mia vita fino all’inverosimile.
Dopodiché ne fui fuori, senza sapere se esser felice per questo oppure dispiaciuto per aver posto fine all’esperienza più totalizzante di tutta la mia esistenza. Passai alcuni interminabili minuti in cui ero paralizzato nel mio letto, cercando il corpo della mia compagna così da accarezzare la mia paura che a quel punto cominciavo a sentire realmente. Mi accorsi di respirare, poi aprii gli occhi e già questo fu un risultato rinfrancante. Successivamente presi possesso delle mie mani e dei miei piedi, come se squarciassi un guscio invisibile, fui libero. Mi esplose una gioia in petto che stava per farmi addirittura male. Mi accorsi di alcune virtù che fino ad allora non mi hanno mai abbandonato. Chiunque sia stato, lo ringrazio con tutto il mio cuore.

 

 

facilitatore-vibrazionale-luca-nali-1

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *