INSONNIA

INSONNIA
Come è brutto quando non si riesce a dormire o quando ci si sveglia e non ci si riesce più a riaddormentare e magari sono le quattro del mattino… Vi capita mai? L’insonnia può essere legata all’ansia e alla preoccupazione, allo stress, alla cattiva digestione spesso aggravata dal cenare troppo tardi la sera o con cibi “pesanti”, oppure dall’utilizzo di sostanze eccitanti, tipo il caffè dopo cena o l’alcool etc… A volte può essere anche la posizione del letto, la qualità del materasso o del cuscino che interferiscono con la conseguente qualità del sonno, per non parlare dell’utilizzo dei cellulare o dispositivi elettronici fino a notte fonda con cui ci si addormenta, l’elettromagnetismo e la luce blu che emettono favoriscono la veglia, lo stato di guardia vigile. A volte anche la sedentarietà e la mancanza di attività fisica possono essere causa di un sonno disturbato, il Qi non circola e l’energia del corpo ristagna. In medicina cinese si parla anche del ciclo circadiano degli organi, secondo questa teoria, il corpo ha un suo ritmo, ogni organo ha un orario in cui è al massimo dell’energia, per esempio dalle 11 alle 3 del mattino c’è il picco del Qi in Vescica Biliare e Fegato, in quelle ore è importante riposare perchè questi organi stanno facendo il loro lavoro al massimo nel senso di rinnovamento della nostra energia, puliscono il sangue e lo trasformano. Andare a dormire troppo tardi è controproducente per il nostro organismo, non gli permettiamo di fare bene il suo lavoro.
Dunque l’insonnia può dipendere da X cause ed è spesso il segnale di qualche altro disagio, perciò prima di tutto è importante andare a verificare a che cosa è dovuta e poi si può decidere come intervenire.
In ogni caso la fitoterapia e i rimedi naturali possono essere un valido aiuto per affrontare il problema mentre se ne trova la soluzione alla radice. Ci sono piante della fitoterapia classica come la Melissa in tintura madre con effetti rilassanti, l’Escolzia e la Passiflora che aiutano il sonno, così come la Valeriana. La Melatonina che aiuta a equilibrare il ciclo sonno/veglia e mette a riposo la pineale. Oppure della tradizione ayurvedica l’Ashwaganda, il ginseng indiano, che io tanto amo che è super efficace. Senza dimenticare il potente aiuto della floriterapia in generale e dei Fiori di Bach in particolare, per fare un percorso ancora più profondo, che sono davvero molto validi. L’utilizzo di oli essenziali come la Lavanda o il Bergamotto sono molto indicati in caso di Insonnia, si possono diffondere con un diffondi aromi nella stanza o si può mettere anche un paio di gocce sul cuscino prima di coricarsi.
Spesso mi contattano clienti con questa problematica e non è mai semplice arrivare alla soluzione così con un consiglio superficiale, ci sono sempre delle concause e solo attraverso un programma benessere studiato su misura, si può migliorare la situazione.
Qual’è la qualità del vostro sonno?
per info: soniacabiaglia@hotmail.com – instagram: cabiaglia – facebook: sonia cabiaglia naturopata – sito: www.manipurastudio.it
Share

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookInstagramYouTube