UN PASTO AL GIORNO

ONE MEAL A DAY

Superata la fase di allerta della prima settimana, in cui siamo andati in tilt da shock e paura e abbiamo comprato al supermercato del cibo di “compensazione” per aiutarci a ritrovare la nostra zona comfort, ora siamo nella fase “accettazione” e possiamo riportare i remi in barca. Consapevoli del fatto che non possiamo uscire, ci stiamo riorganizzando tutto, le idee, le abitudini e volendo anche il modo in cui ci nutriamo. Il mio consiglio è di sforzarsi di mangiare meno: tutto parte dalla spesa, visto che il banco di frutta verdura è sempre ben rifornito e il tempo di cucinare ora non ci manca, possiamo iniziare a comprare ortaggi e frutta fresca di stagione che possiamo pulire, tagliare e cucinare in ogni modo possibile. Questo è quello che sto cercando di fare io… prendermi cura di me stessa in modo diverso. Visto che siamo sempre in casa possiamo fare colazione anche tardi, magari ci beviamo un caffè (meglio se d’orzo o cicoria) o un the, un bicchiere di acqua e limone con zenzero, una tisana… e poi verso le h 1130-12 possiamo fare una buona colazione, tipo brunch, che diventa un pasto completo sano e sfizioso, con verdure fresche, proteine e un pochino di carboidrati poi nel tardo pomeriggio, entro le h 19 facciamo una merenda salata, che diventa una cena leggera meglio se di carboidrati e verdure che aiutano a ritrovare la calma e a riposare meglio.

Mangiare presto è importante in modo da lasciare il corpo a riposo nel senso di digestione e assimilazione cibo per almeno 12-14 o anche 16 ore… evitando di sgranocchiare qualcosa, per noia, cercando magari di bere acqua o tisane, ogni volta che ci viene fame. In questo modo possiamo fare un fantastico digiuno intermittente e guadagnare in perdita di peso e salute nello stesso tempo. Se proprio non resistiamo possiamo mangiare 3/4 mandorle. Ognuno si può regolare con le quantità in base alle proprie necessità, pensando che se ci muoviamo poco, non abbiamo bisogno di mangiare tanto.
Come sempre nel cambio stagione e soprattutto in questo momento in cui è doveroso iniziare a occuparsi in un modo più consapevole della propria salute, meglio ridurre i latticini in generale, assolutamente da evitare gli zuccheri semplici, privilegiare i cereali integrali, quelli con il chicco, alle farine raffinate, se non siete vegetariani, integrate con pesce o carne evitando le carni rosse, e sceglietele di provenienza biologiche. Frutta e verdura di stagione come se piovesse cruda, cotta al vapore, saltata a seconda della giornata se piovosa o soleggiata.
Si tratta solo di iniziare a dare una nuova direzione alle nostre abitudini, una volta innescata la spirale virtuosa, migliora l’umore, ci sentiamo più attivi e anche le idee diventano creative. Stiamo tutti iniziando una nuova esperienza di vita, ora con la quarantena, poi con la ripresa, mi piace pensare che ognuno ne esca più forte e con una versione migliore di se stesso. Non è possibile creare il nuovo usando il sistema vecchio e si può iniziare proprio dalla cosa che facciamo tutto il giorno: magnare…:-).
Nell’occasione vi ricordo i colloqui a offerta libera on line in cui consiglio i Fiori di Bach e altri rimedi vibrazionali della Floriterapia, indicati apposta per voi a seconda di quello che state vivendo (non siamo tutti uguali), mentre le consulenze di naturopatia – sempre via video per rafforzare il sistema immunitario e depurarsi al 30% in meno.
Share

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookInstagramYouTube